28
giu 14

Installare Jpcap0.7 in linux

Per sfruttare con Java le funzionalità avanzate di rete per un esame dei pacchetti che transitano dalle nostre interfacce di rete
è possibile avvalersi delle librerie JPCAP che si appoggiano alle ben note librerie libpcap o winpcap (sotto win32/64).

Di cosa abbiamo bisogno per avvalerci delle funzionalità

oracle java 8
libpcap
libpcap-dev
settare java_HOME in bash.bashrc
ricompilare jpcap
installare jpcap

Spiego velocemente come ottenere ed installare java 8 su sistemi linux:

Per installare Java 8 di Oracle e non openjdk che non è maturo al punto giusto per fornire le potenzialità di casa Oracle, seguite i seguenti passaggi:

Aprite il terminale ed eseguite nell’ordine:

sudo apt-get purge openjdk*
sudo add-apt-repository ppa:webupd8team/java
sudo apt-get update
sudo apt-get install oracle-java8-installer

Otterrete Java 8 sul vostro sistema

Eseguite “java -version” e “javac -version” per essere sicuri che tutto sia andato a buon fine.

Adesso aprite synaptic o qualsiasi altro gestore dei pacchetti ed accertatevi di avere sul vostro sistema le librerie libpcap e libpcap-dev e se non fossero presenti installatele

Successivamente andremo a settare JAVA_HOME in bash.bashrc in questa maniera:

Innanzitutto creiamo un link simbolico alla versione attuale di java in uso (ovvero la 8) verso cui ormai punterà qualsiasi cosa che sfrutti java

sudo ln -s /usr/lib/jvm/java-8-oracle /usr/lib/jvm/java

Adesso editiamo con gedit il file di configurazione della nostra shell bash.bashrc (va bene anche kate o quel che volete)

sudo gedit /etc/bash.bashrc

Aggiungiamo in fondo allo script le seguenti linee

...
JAVA_HOME=/usr/lib/jvm/java
export JAVA_HOME
PATH=$PATH:$JAVA_HOME/bin
export PATH

Otteniamo e scompattiamo le jpcap0.7 le trovate in alternativa anche qui

Scompattiamo il contenuto di jpcap0.7.tar.gz e posizioniamoci nella directory dei sorgenti

cd /jpcap0.7/src/c/

lanciamo make per compilare le librerie

e di conseguenza andremo ad installare sia il .so ottenuto che il file .jar utile per avvalersi delle jpcap

sudo cp jpcap-0.7/src/c/libjpcap.so /usr/lib/jvm/java-8-oracle/jre/lib/amd64/ (per architetture a 64 bit )
sudo cp jpcap-0.7/src/c/libjpcap.so /usr/lib/jvm/java-8-oracle/jre/lib/i386/ (per architetture a 32 bit )
e copiamo anche il .jar
sudo cp ~/jpcap-0.7/lib/jpcap.jar /usr/lib/jvm/java-8-oracle/jre/lib/ext/

creaiamo il link simbolico

per sistemi x64

sudo ln -s /usr/lib/jvm/java-8-oracle/jre/lib/amd64/libjpcap.so /usr/lib/
 

o per sistemi x32.

sudo ln -s /usr/lib/jvm/java-8-oracle/jre/lib/i386/libjpcap.so /usr/lib/
 

Ecco finito compilando ed installando il tutto, abbiamo disponibile sul sistema la libreria JPcap versione 32 o 64 bit a seconda di che tipo di macchina avete in uso.


27
giu 14

UBUNTU “dpkg” use

On terminal type:

To install .deb file
sudo dpkg -i package.deb or sudo dpkg -install package.deb

To obtain package’s installed info
dpkg -l filename

To remove package
sudo dpkg -r nome_del_pacchetto or sudo dpkg -remove nome_del_pacchetto

To erase package and any configuration files
sudo dpkg -purge package.deb


27
giu 14

How verify installed UBUNTU’s version

On terminal type:

lsb_release -a


25
giu 14

JAVA 8 in Eclipse Kepler

Premessa: E’ necessario aver installato sul proprio sistema JAVA 8 SDK ed aver opportunamente settato PATH, CLASSPATH e JAVA_HOME.

Java 8 non è ancora supportato su Eclipse ma ecco come aggiungiamo il supporto di JAVA 8 su Eclipse Kepler.

Da Kepler SR2 andiamo alla voce di menu:

“Help> Install New Software …” opzione di menu per aprire la finestra “Available Software”;

Aggiungere http://download.eclipse.org/eclipse/updates/4.3-P-builds/

Accettate i termini di licenza ed effettuate il download dei pacchetti proposti dal repository.
Riavviare Eclipse quando richiesto.
Al reboot si sarà in grado di utilizzare il supporto per Java 8.


14
mag 14

GRUB Manage

How to change grub’s bootloader preferences into your PC.

Proced in this way………..

Open a window terminal – as bash – and type in:

cd /boot/grub

after edit the configuration file:

sudo gedit grub.cfg

Type your admin password and after it opens like this:

________________________________________________________
#
# DO NOT EDIT THIS FILE
#
# It is automatically generated by /usr/sbin/grub-mkconfig using templates
# from /etc/grub.d and settings from /etc/default/grub
#
### BEGIN /etc/grub.d/00_header ###
if [ -s $prefix/grubenv ]; then
load_env
fi
set default=”0″ <<<<<
if [ ${prev_saved_entry} ]; then
set saved_entry=${prev_saved_entry}
save_env saved_entry
set prev_saved_entry=
save_env prev_saved_entry
set boot_once=true
fi
...

This label ” DO NOT EDIT THIS FILE “ it’s a warning but you can still edit the file.

This command say to grub witch is the default system to boot:

set default=”0″

If you want to change the boot’s order, you must do this:

Select the configuration’s file and grow up the system you want boot first.

or change the line’s value and set it to default identifing the new position less 1.

For example Ubuntu is in second position

Set the value to 1 (2-1)

set default=”1″

At the next reboot GRUB will put your linux system first than Windows.

Save it and restart your pc.


14
mag 14

ANDROID-STUDIO on Linux MINT

Do you want to have Android Studio ?

TO DO

Open bash and type:

_________________________________________________
sudo add-apt-repository ppa:neizod/ppa

sudo apt-get update

sudo apt-get install android-studio-installer
_________________________________________________

and then:

sudo /usr/lib/android-studio/bin/studio.sh

Enjoy it !!!